VISO: il doppio siero

Double Serum è, per me, un prodotto cult. Nato nel lontano 1985, da allora i Laboratori Clarins lo hanno riformulato ben otto volte, per adeguarlo alle nuove scoperte cosmetiche e renderlo così sempre più efficace.

Mi piace perché il suo ultimo restyling è il frutto di uno studio condotto dai ricercatori Clarins su più di 100 piante: così sono stati individuati 21 principi attivi vegetali tra i più adatti ed efficaci sulla pelle non più giovane per nutrirla e ossigenarla, idratarla e proteggerla dallo stress ossidativo, oltre a sostenere il rinnovamento dell’epidermide.

Tra questi ”ingredienti” spicca un estratto di curcuma che sembrerebbe utile per prevenire la comparsa di rughe, la perdita di tono, la mancanza di luminosità, ecc…

Quanto usarne?

Si può scegliere la dose posizionado il suo erogatore a rotella su goccia piccola o goccia grande. All’interno del contenitore, ci sono due flaconcini con gli attivi vegetali solubili in olio e in acqua ben distinti. I due liquidi si miscelano tra loro solo premendo sull’erogatore: un modo per preservare inalterate le loro qualità anti-age.

La sua texture è leggera e si assorbe bene perché la composizione di Double Serum riproduce il film idrolipidico naturale, cioè la protezione invisibile che avvolge la nostra pelle.

La mia routine

Applico questo siero concentrato due volte al giorno. Il mattino mi basta una goccia piccola sulle guance e sul resto del viso evitando la fronte perché la mia pelle tende a lucidarsi proprio lì. La sera, invece, mi concedo una goccia grande mettendola ovunque anche sulla fronte. Lascio trascorrere almeno 5 minuti, prima di procedere con i trattamenti successivi.

Curiosità

Su 21 principi attivi di Double Serum, 9 sono biologici di cui 3 sono certificati commercio equo (li trovate nella foto).